Marecchia

i pioppi

VAGANO, VAGANO VAGANO… E A VOLTE FANNO DANNI.

Quei fastidiosi “pioppi” – così li chiamo io – o pollini o piume dei Pioppi che Fellini nel suo Amarcord fa chiamare “manine” che “Vagano, vagano, vagano!” e che in botanica chiamano pappi, non sono altro che appendici piumose dei frutti dell’albero in questione che servono per disperdere i semi al vento. Questo fenomeno che… Continua a leggere VAGANO, VAGANO VAGANO… E A VOLTE FANNO DANNI.

ROBIN HOOD

LE DISAVVENTURE DI LADY LARIAN NELLA FORESTA DI MARECCHIAWOOD

LE DISAVVENTURE DI LADY LARIAN NELLA FORESTA DI MARECCHIAWOOD   Come ho già accennato io tiro con l’arco. Ho iniziato quattro/cinque anni fa per incentivare mio figlio a cui era stato regalato un arco “junior” del Decathlon con le frecce a ventosa e con quello abbiamo iniziato a tirare nel parco dove abitiamo. Lui poi… Continua a leggere LE DISAVVENTURE DI LADY LARIAN NELLA FORESTA DI MARECCHIAWOOD

parco marecchia il tramonto

I PARCHI CITTADINI: UNA RISORSA INESTIMABILE.

I PARCHI CITTADINI: UNA RISORSA INESTIMABILE.   Spesso mi sono detta che se non avessi abitato sul parco Marecchia, probabilmente non avrei resistito così bene e così a lungo ad abitare in città, anche se in una città a misura d’uomo come Rimini. Avere il parco a pochi passi da casa è stato per me… Continua a leggere I PARCHI CITTADINI: UNA RISORSA INESTIMABILE.

bellezze in bicicletta

BELLEZZE IN BICICLETTA

“Ma dove vai bellezza in bicicletta, così di fretta pedalando con ardor… le gambe snelle, tornite e belle, mi han messo già la passione dentro al cuor… Ma dove vai con i capelli al vento, col cuor contento e col sorriso incantator…” Era il 1951 e “Bellezze in bicicletta”, successo cinematografico e canoro, entrava a… Continua a leggere BELLEZZE IN BICICLETTA

Che cos’è l’amor?!

Che cos’è l’amor?! Da un po’ di giorni mi ronza in testa questo motivetto di Paolo Conte e non faccio altro che canticchiarlo e al tempo stesso prendere ispirazione per pensare e parlare d’amore. L’amore nel senso più ampio del termine e non solo tra un uomo e una donna. Già, che cos’è l’amor? Ognuno… Continua a leggere Che cos’è l’amor?!

sveva

SANTA MARIA D’ANTICO E LA MISTERIOSA TOMBA DI SVEVA

Nell’Alta Val Marecchia, più o meno a meta strada tra Novafeltria e Pennabilli, c’è un’antica chiesa del Quattrocento, silenziosa custode di una splendida Madonna in ceramica di Luca Della Robbia e dei resti di un’altra “madonna” molto più misteriosa. Posta su di un piccolo declivio tra un gruppo di case, la chiesa di Santa Maria… Continua a leggere SANTA MARIA D’ANTICO E LA MISTERIOSA TOMBA DI SVEVA

balli di maiolo

I balli di Maiolo

Tutto ebbe fine in una notte, in quella tragica notte del 29 maggio 1700, quando una tremenda frana causò la rovina del paese in questione e la morte di tutti i centouno abitanti. Sopravvivono però il ricordo e la leggenda. Tutto ebbe inizio dalla diceria, vera o presunta, che a Maiolo si praticasse il “ballo… Continua a leggere I balli di Maiolo

madonna-di-saiano

Il sedile della Madonna

C’è un masso che si erge imponente e pittoresco in mezzo al letto del Marecchia, nell’omonima vallata che da Rimini porta verso il Montefeltro. Guardato a vista dall’inespugnabile castello di Montebello, sorvegliato giorno e notte dagli antichissimi resti di Torriana, circondato dalle fortezze di Verucchio, San Marino e San Leo: altri non poteva essere che… Continua a leggere Il sedile della Madonna

verucchio

Il barroccio di Malatestino

Verucchio, culla dei Malatesti, tra le sue vecchie strade s’aggira un’ombra… è quella del crudele Malatestino, uno dei quattro figli del Mastin Vecchio, centenario signore dell’antico borgo che domina la Valmarecchia. Malatestino dall’occhio, così chiamato perché guercio, si era conquistato negli anni a cavallo tra il Duecento e il Trecento, una sinistra fama: come un… Continua a leggere Il barroccio di Malatestino

san francesco

San Francesco in Valmarecchia: il cipresso e altre storie.

Si narra che quando San Francesco d’Assisi venne dalle nostre parti, si fermò per un po’ di tempo nella Valmarecchia, dove lasciò una tangibile impronta del suo passaggio. Dapprima fu ospite della famiglia Leonardi a Vergiano, qui fu trattato con grande gentilezza e generosità e al momento di andarsene, il santo promise loro che non… Continua a leggere San Francesco in Valmarecchia: il cipresso e altre storie.