EMILIA ROMAGNA THE BEST, TRA PARMIGIANO, PROSCIUTTO E TAGLIATELLE… MA LA PIADINA DOV’E’?

piadina-romagnola

ROMAGNA THE BEST, TRA PARMIGIANO, PROSCIUTTO E TAGLIATELLE… MA LA PIADINA DOV’E’?

Sta girando dappertutto la notizia che il sito per viaggiatori Lonely Planet ha decretato l’Emilia Romagna quale miglior meta d’Europa per chi vuole unire le bellezze culturali e paesaggistiche alla buona cucina.

Emilia Romagna Best in Europe è il riconoscimento che un po’ stanno mostrando orgogliosi, anche a Rimini, perché la nostra città è una delle tre della Romagna, oltre a Ravenna e Brisighella, ad essere stata citata nell’omonimo video che sta circolando sui social.

Fin qui tutto bene, ma chi ha letto l’articolo su Lonely Planet e chi ha visto il video non può non aver notato che l’ago della bilancia pende un po’ troppo sull’Emilia con quattro destinazioni mostrate su sette e soprattutto sulla sua gastronomia, difatti sono tutte emiliane le specialità gastronomiche di cui si parla: il parmigiano reggiano, il prosciutto di Parma, l’aceto balsamico di Modena e le tagliatelle al ragù bolognese.

E la ? Dov’è?!

La nostra piadina che c’invidiano non solo in , ma in tutto il mondo e che è stata “esportata” pure a con grande , non è stata nemmeno nominata dall’autorevole sito che a giugno verrà a proporre proprio nella nostra città l’UlisseFest del viaggio.

Passino i cappelletti, passatelli e strozzapreti, ma non troppo, visto che nel video si mostrano i tortellini, ma la piada no, la piada simbolo della Romagna non ve la possiamo far passare!

Perché è Emilia-Romagna the best, non Emilia. Perché se si parla di cultura gastronomica anche qua ne abbiamo da vendere, con i prodotti sopracitati e con i nostri vini, i salumi di mora romagnola, la ciambella e il nostro pesce azzurro.

Insomma ce n’è per tutti i gusti e il turista che si appresta a venire dalle nostre parti, come dicono nel video, si prepari a un banchetto dei sensi.

Eh sì, l’Emilia Romagna è una terra ricca, di tradizioni enogastronomiche, folkloristiche, storiche e bellezze paesaggistiche. Racchiusa tra l’Appennino, le colline, la pianura e il mare è sicuramente la meta ideale di chi vuole spaziare e gli abitanti locali sono l’emblema della simpatia e dell’accoglienza.

Mito dietro cui ci facciamo scudo, quello della simpatia e dell’accoglienza, noi riminesi, che abbinate alla nostra intraprendenza, hanno fatto sì che Rimini venisse associata ad altri miti come quello di , oltre che, essendo la città più famosa della Romagna, alla piadina. Signori, la piadina! Che sta bene con tutto. Che se non ci fosse bisognerebbe inventarla, ma ci dispiace, ci hanno già pensato i romagnoli.

D’altronde siamo quelli che “del maiale non si butta via niente” e da codesto venerato maiale ne abbiamo tirate fuori di prelibatezze, proprio per questo signori cosiddetti esperti, non buttateci via la piadina che si sa “se parsot la pies un po’ ma tot”!

Scommetto anche a voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.