BELLEZZE IN BICICLETTA

Ma dove vai bellezza in bicicletta, così di fretta pedalando con … le gambe snelle, tornite e belle, mi han messo già la passione dentro al cuor… Ma dove vai con i capelli al vento, col cuor contento e col sorriso …”

Era il 1951 e “Bellezze in bicicletta”, successo cinematografico e canoro, entrava a far parte del gergo comune. Anch’io che sono nata vent’anni dopo ho avuto occasione di vedere il film e ricordo con piacere questa simpatica e orecchiabile , soprattutto quando vado in bicicletta, sorridendo mi viene voglia di cantarla e me la canto, mentre pedalo con “ardor”.

Per non parlare delle innumerevoli volte che ho sentito appellare in questo modo le che girano in bici… e chi non l’ha mai detto? “Ehi bellezze in bicicletta!” a tutte sarà capitato prima o poi di sentirsi dire così da un amico o dal proprio compagno che voleva chiamarci o salutarci, mentre passavamo in bici con le amiche.

Ma dove vai bellezza in bicicletta…” mi dà la carica e mi fa pensare di poter arrivare in capo al in sella alla mia comune bici da città. “Ma dove vai con i capelli al vento, col cuor contento e col sorriso incantator…” mai parole furono più veritiere.

La bicicletta fa bene al fisico e all’ e sono sempre di più le persone che la usano per spostarsi e la praticano come , soprattutto nella bella stagione.

Ciclismo amatoriale, percorsi naturalistici in , la bicicletta, sportiva o da città è un ottimo modo per muoversi, mantenendosi in forma senza inquinare ed è anche il mezzo meno costoso perché non necessità di carburanti per andare, come l’auto o il motociclo, ma sono di un bel movimento di gambe: ossia pura e semplice energia meccanica. Salutare energia meccanica.

La nostra città inizia ad essere abbastanza fornita di piste ciclabili, sia a mare sia a monte. Abbiamo percorsi ciclabili che attraversano i parchi e lungo il corso dei fiumi Ausa e Marecchia. Quello del Marecchia è un percorso naturalistico che parte dal cosiddetto parco nel centro di per arrivare fino a a 18 km di distanza in mezzo alla Valle del Marecchia. Costeggiando l’omonimo fiume che appunto ha dato il nome alla valle, la pista sterrata attraversa un ambiente naturale ricco di vegetazione e punti di ristoro o d’interesse sportivo come il Tiro al Volo o la pista di aeromodellismo o  il campo da golf e naturalistico come i laghi delle ex cave.

Unico neo, almeno per chi non la pratica, è che lungo il percorso viene permessa anche la caccia e sovente durante la stagione si possono intravvedere e sentire i cacciatori e talvolta incontrarli con il fucile a tracolla. Sconsigliato uscire dal percorso tracciato: pericolo di buscarsi una schioppettata! Esagerazioni a parte (ma neanche troppo) io stessa un giorno mentre percorrevo la pista sulla mia city bike (per fortuna non è troppo sterrata, anche se ha bisogno di continua manutenzione, soprattutto dopo le frequenti piogge e terremoti) mi sono trovata davanti un daino o capriolo che stava fuggendo dall’agguato dei cacciatori con i loro cani. Ovviamente ho parteggiato caldamente per lui. E’ stato uno di quegli incontri indimenticabili che solo in mezzo alla natura si possono fare.

E allora che aspettate? La finalmente sta arrivando, montate sulle vostre due ruote e via, andate alla scoperta del mondo! Cantando col sorriso sulle labbra “Ma dove vai bellezza in bicicletta…” : )

Lara Fabbri

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.